lunedì 14 aprile 2014

Elogio della leggerezza

Essere seri stanca.
Avere sempre un aplomb integerrimo, la coerenza dei giusti, l'etica di un comportamento senza macchia.
Vivere nell'iperuranio delle verità pe(n)santi, sempre ad arrovellarsi sul perché e sul per come dei massimi sistemi.
Dimostrare giorno dopo giorno di essere affidabili professionisti e esseri umani civilissimi, cittadini partecipanti, sempre pieni di opinioni su ogni cosa.
Motivare tutto.

Cheppalle.

Ci vuole, ogni tanto, una sana, catartica mandata a quel paese di tutto ciò.
Impacchettare, legandoli ben stretti, i principi, la profondità, gli intellettualismi infilarli in un baule con destinazione Timbuctu (cit.).
Lasciarsi andare.

Possibilmente, saltellando.
Possibilmente, anzi, obbligatoriamente, ridendo a più non posso.

Ho passato, fra venerdì e sabato, 24 ore fra le più bislacche e divertenti della mia vita.

Che succede che arriva il venerdì pomeriggio e già pregusti la pausa del finesettimana, assapori l'arietta frizzantina, ti scarichi in piscina a più non posso, conscia che il bello deve ancora arrivare.

Partiamo, io, il consorte, la cognata in visita, per un ridente paesino nel novarese, per assistere (ma il verbo è invero troppo statico) a un mega concertone ska, inizio alle 23 e 30, conclusione alle 3 del mattino. Tre ore e mezza di musica in levare e molleggiamenti, testi cantati conosciuti da più di dieci anni e altre melodie inedite, spunti per future conoscenze musicali.
La gente che ho intorno è allegra.
Allegra e basta.
Ma quanto è bello?

Torniamo a casa con l'usuale fischio nelle orecchie, un bicchiere rubato del bar che ancora spande l'odore della fetta di limone per tutto l'abitacolo, e il ghiaccio sciolto, e la cannuccia nera.

Nel letto alle 4, col sorriso ebete di chi sa che cosa succederà, poche ore più tardi.

Ve lo ricordate quando vi ho parlato, un annetto fa, del Torino Comics?
E vi ricordate che avevo concluso dicendo che forse forse, magari magari, per l'edizione successiva avrei fatto un pensierino sull'idea di improvvisarmi cosplayer fra i cosplayers?

Che dire... l'ho fatto!
Sono diventata un Minion!! Anzi, per la precisione, io e altri quattro scapestrati (fra cui il consorte e la cognata di cui sopra) siamo diventati un gruppo di Minions meravigliosi!

Per chi, folle, non li conoscesse, i Minions sono questi:


Eh sì, avevamo anche le banane.

Ma la gente che ci ha fotografato.
Ma la capacità di dire addio alla vergogna, alla serietà, alla pesantezza, alla serie infinita di cose da fare e da pensare e da organizzare e da considerare.

La bellissima, bellissima sensazione di sentirsi insieme, nell'ordine: un personaggio dei cartoni animati, una celebrità, un pezzo di un bislacco gruppo di esaltati, un bambino.

Dimenticarsi del mondo reale.
Vivere la coloratissima, divertententissima espaerienza di cinque ore di festa, fuori da ogni regola.

Sentirsi così meravigliosamente leggeri.
E senza fiato spanciarsi dal ridere!



21 commenti:

  1. No ma che figata! Anche alla Sister era venuto in mente di farlo, dovevamo solo scegliere il travestimento. Peccato che poi non abbiamo avuto abbastanza coraggio. Ti dirò, non solo essere seri stanca, essere seri fa male alla salute. Evviva la leggerezza!
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatelo! Alla prima occasione utile! E' rigenerante... :D

      Elimina
  2. ahahahaha:) deve esser stato bellissimo!!! W la leggerezza :)

    RispondiElimina
  3. ahahahah fortissimoooo! Lo voglio fare anch'io a Lucca Comics il prossimo anno! Figata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Lucca Comics deve essere ancora meglio, perché si gira per le vie della città e non dentro a un padiglione... quasi quasi... *.*

      Elimina
  4. Minion anch'iooooo!!! ... dove si firmaaaaa!!!! ;)))

    RispondiElimina
  5. Ma bellissimissimo Valeria!
    C'è una mia amica che si traveste per qualsiasi evento (ha anche organizzato la sua festa di laurea a tema) e si diverte da matti. Mette le parrucche, si trucca, si veste in modo estroso.
    Credo sia un modo per esprimere la propria creatività. La trovo molto bella.
    E poi, divertirsi ogni tanto e non pensare a niente ci sta un casino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Emme! Ti dimentichi del tutto della realtà e ti diverti da matti!

      Elimina
  6. Ti capisco benissimo, è successo anche a me al Romics :)
    Ce la fai vedere una foto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm ehm... contravverrei all'autodivieto di mostrarmi nel blog... (ma se cerchi foto del Torino Comics siamo praticamente in tutti gli album... sshhhhh...)

      Elimina
  7. Che bel post Vale, ci voleva proprio! :) Legate a un bel peso tutte le cose "serie" e buttate nel profondo del fiume, almeno per 24 ore, ti sei potuta liberare di tutto e, si percepisce benissimo da quello che hai scritto e come lo hai scritto, hai avuto modo di divertirti davvero di gusto. Leggera e felice, allegra e spensierata, con accanto poi chi ami e ti vuol bene... che c'è di meglio? ah, si, essere un Minions! :DDDD

    Sono contento per la tua allegria, molto bene! :) buona giornata a te, e non smettere mai di sorridere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere un Minion, anche se per poche ore, è una terapia del buonumore che consiglio a chiunque!
      Banana?

      Elimina
  8. Ahaha bellissimi voi XD
    Foto foto foto!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh... modestamente, eravamo fighissimi! ma niente foto qui sul blog :P

      Elimina
  9. ...il fatto che aveste le banane, vi rende un sacco autorevoli come Minion :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, sono i dettagli a fare tutto ;)))

      Elimina
  10. Le prime righe che hai scritto mi hanno fatto riflettere per buoni dieci minuti, qua in silenzio davanti al pc. Non so bene se sia perchè mi sto scontrando con questa cosa dell'essere sempre seri, affidabili ma soprattutto coerenti proprio in questi giorni, o se sia un pensiero che ho sempre avuto.
    Io scrivo minchiate su un blog proprio perchè non riesco a farlo nella vita reale e un pò per carattere, un pò per raggiungere i miei obiettivi professionali mi sono creata questo personaggio che è fancazzista e idiota dentro ma terribilmente professionale e serio fuori.

    Sarà per questo che ogni giorno cerco la novità o il sapore diverso dal solito e sarà per quello che quando viaggio voglio fare le esperienze più incredibili che trovo.

    Sì, continuare a far parte del mondo serio e coerente è una gran rottura di cazzo. Vorrei tanto travestirmi da Minion come te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivo il tuo stesso dissidio interiore.
      E ti assicuro che travestirsi da Minion ha aiutato un bel po'! :)

      Elimina