domenica 1 giugno 2014

Ridatemi la cattiva

Ieri sono andata al cinema.
Anzi no: ieri sono andata prima a vedere una riduzione di Romeo e Giulietta allestita da tre pazzi scriteriati nel cortile di un condominio di San Salvario (esperienza che meriterebbe un post a sé) e poi sono andata al cinema, a vedere Maleficent.
Ora. 
Se come me siete personcine che hanno avuto un'infanzia sana e costruttiva e quindi conoscete a menadito tutti i classici Disney, ivi compresi tutti i testi di tutte le canzoni, da Impara a fischiettar di Biancaneve a Il mondo è mio di Aladdin, fatevi un favore, salvatevi almeno voi: non andate a vedere Maleficent.
Perché quello che farete sarà cominciare a saltellare sulla poltrona del multisala, circondati da nanetti che sgranocchiano popcorn, con sempre maggiore insofferenza nei confronti di ciò che scorre sul megaschermo e sempre maggiore varietà linguistica di imprecazioni pronte a uscire fuori di bocca (e anche, diciamocelo, sempre maggiore invidia nei confronti della bocca della Jolie).

Mi rivolgo a te, amico sceneggiatore Disney.
Spiegami perché.
Cosa non ti è chiaro.

Numero uno: stai prendendo una storia che è patrimonio collettivo della memoria di tre o quattro generazioni di giovani virgulti cartonianimati-dipendenti per farne un remake. Anzi no, non è un remake, perché se mi pubblicizzi il film dandogli per titolo il nome della protagonista cattiva di quella storia, io mi aspetto di trovare, non so, il prequel? La storia vista dal punto di vista di quel personaggio? Il sequel? Qualcosa del genere, e invece... Ma non anticipiamo, e diciamo solamente che vuoi partire da quella storia, da quel pacchetto di memoria, per raccontarmi qualcosa, conscio del fatto che io SO come sono andate le cose nel cartone originale, ME LO RICORDO BENISSIMO.
Quindi, amico mio, stai giocando col fuoco, lo devi sapere, parti già sul filo del rasoio.

Numero due: Questa storia in particolare vive in un cartone che è fra i più inquietanti mai prodotti dalla Disney (lasciando da parte gli elefanti rosa di Dumbo che non gareggiano, sarebbe come se Usain Bolt partecipasse alla mezzamaratona Venaria-Torino). Io non so se voi che leggete avete presente, ma la Malefica del cartone è una cattiva al 100%, senza sfumature, cattiva perché sì, cioè per dire, ogni volta che c'è lei tutte le scene si tingono si un mefitico verde acido che copre tutti gli altri colori e parte una musichetta che Profondo Rosso lèvate.

Numero tre: Il personaggio di Malefica a me piace da matti. Gli è riuscito proprio bene. Perché non solo è cattiva senza speranza, non solo grazie a lei la storia si impenna, si evolve, si risolve, ma perché riesce ad essere completamente negativa e allo stesso tempo enormemente bella. E' regale, Malefica, è elegante, si muove con genti lenti e solenni, accarezza il suo corvo - che chiama 'mio Diletto', manco fossimo in una poesia trobadorica - come se fosse il più tenero dei gattini, insomma sta spanne e spanne sopra a tutti gli altri personaggi: ad Aurora, che è solo la vittima passiva degli eventi; al principe Filippo, muto bambolone wannabe-Ken, nonostante l'epilogo dovuto e aspettato; alle tre fate buone, sciocche buontempone impacciate, salvabili solo per la diatriba sul colore del vestito della principessa ('che sia rosa'/'che sia blu').

Questo per dire che il contesto e l'aspettativa quando ho comprato il biglietto erano belli panciuti e tesi tesi, pronti a godersi, se non proprio la stessa storia vista dal punto di vista dell'antagonista, almeno l'antefatto: chi è Malefica e perché arriva ad essere tanto cattiva quando cominciano gli eventi raccontati nel classico Disney.
E invece no, amico mio. Hai voluto sgravare.
Hai voluto fare un triplo carpiato e riscrivere la storia invertendo le parti: Malefica è buona, è una fata che ama la natura e che solo temporaneamente si ritrova imbevuta di una sete di vendetta che le fa scagliare il maleficio su Aurora, maleficio che lei stessa dopo un po' tenta invano di togliere, e non vi dico altro sennò spoilero troppo.

Amico mio, sceneggiatore stipendiato della Disney, provo a farti un disegnino?
Ripeti con me: Ma-le-fi-ca. Nomen omen, nelle fiabe più che mai! Non devo certo scomodare mazzi di Umberti Echi per dimostrarti che c'è un errore gigantesco nella tua malsana idea narrativa! Non puoi, amico mio, non puoi, raccontarmi con scioltezza che una tizia che si chiama Malefica è buona! Lo capisci che non puoi?

No, non lo capisci... e infatti mi hai costruito un castellone cinematografico che non ha senso alcuno, anche perché - caro amico laureato al DAMS della Columbia University - lo sa pure un ragazzino di undici anni che se mi prendi un picco di negatività, poniamo un -1, e me lo vuoi far diventare un picco di positività, diciamo un 1, il risultato che hai è ZERO. Calma piatta. Elettrocardiogramma a bip contonuo. Insomma una storia che non ha slanci emotivi, non ha senso, non ha catarsi. Non ha.

Anzi. Ha.
La beffa finale.
La frase che davvero non volevo sentire.
"Questa è la storia vera, non quella che conoscevate voialtri".

Ennò.
Amico stronzo, no. 
La mia memoria, il mio bagaglio culturale dell'infanzia non si tocca, andatevene tutti a quel dannato paese buonista, fatto di lieti fini zuccherosi e identità incerte e edulcorate.
E ridatemi la cattiva.


32 commenti:

  1. Ahhh!!!. lo immaginavo che c'era lo sòla.. e io frego tutti e vado a sciropparmi l'ennesimo Tom Cruise che mi fa il doppio film di fantascienza carpiato: alieni e salti temporali in contemporanea.... considerando che non ho ancora digerito Oblivion.. ma Maleficent, no.. nenache con l'Alka-Seltzer.. eheh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta saggezza c'è in te... Ahimè!

      Elimina
  2. Un film in meno da vedere... Io al cinema ho visto Godzilla! Mi sono gasata quasi quanto tutti quei mocciosi in sala!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, mi sa che facevo meglio a seguire il tuo esempio...

      Elimina
  3. Io ti adoro, sappilo. Perché hai messo nero su bianco, bit su bit, esattamente tutto quello che penso di questo film. Cioè, limortacciloro, un classico Disney, la STORIA di un classico Disney, NON SI CAMBIA. E' un cazzo di assioma. Tu non puoi uscirtene con "scusa fino ad ora abbiamo detto cazzate, in realtà le cose sono andate così". Ennò. Che a me già rodeva il chicchero che la protagonista era la malvagia. E vabbè. Già rodeva il chicchero all'idea che fosse un prequel. E vabbè. Ma QUESTO no.
    Ti stimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prossimo passo sarà le sorellastre in crisi adolescenziale per i brufoli, grimilde e il suo dissidio interiore in stile jeckill/hyde e ursula attivista Greenpeace... O.o!!

      Elimina
    2. Giuro che se mi toccano Grimilde faccio 'na strage!

      Elimina
  4. HO letto tutto a spezzettoni, che qua mi beccavo spoiler :) Rileggerò martedì, che domani in teoria vado a vederlo. Lo so che dite di evitare ma aspettavo sto film e non posso lasciar perdere :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo aspettavo anche io! E ora ti aspetto al varco...

      Elimina
    2. Una merda. Non ho altro da aggiungere. Bellina la trovata del bacio, ma per il resto una merda.

      Elimina
    3. Oh yes, come volevasi dimostrare...

      Elimina
  5. Premetto che non ho visto il film, ma sto leggendo molte impressioni.
    La Disney sta puntando da un po di tempo ad essere un pochino più "Gotica" di quello che è stato.
    Vedi Lone Ranger e il Grande e Potente Oz.
    Sono esperimenti, riusciti e meno riusciti. Ma lo è più la seconda.
    In poche parole da quello che ho capito: è un film vedibile, ma niente di nuovo.
    Giusto?
    Incazzature a parte per la classica "La vera veramente verissima storia" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai, a mio parere, era molto più gotico il cartone originale! Questo tentativo di invertire buoni e cattivi rende il tutto molto sciapo... Se ti capita di vederlo mi dirai...

      Elimina
  6. Cavolo. E io che speravo di vedere una magnifica Angelina Jolie in versione cattivissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è bellissima, il personaggio molto meno, porca pupazza!

      Elimina
    2. Mmm la curiosità però mi è rimasta, se riesco vado a vederlo comunque (anche se vado al cinema tipo una volta ogni dieci anni e ci credo molto molto molto molto molto poco).

      Elimina
    3. Aspetto il tuo commento allora!

      Elimina
  7. Enno eh. Malefica è un mito, DEVE essere cattiva e dare una svegliata a quella rimbambita di Aurora che ha esagerato col valium.

    Sono morta dal ridere su un autobus pieno di gente, sappilo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Sono d'accordissimo con te!!

      Elimina
  8. come come come?
    Malefica, buona??? D:
    maccheccazz...

    RispondiElimina
  9. Ecco, mi sa che non ci vado a vederlo. La Bella addormentata era il mio cartone disney preferito, non me lo possono ribaltare come un calzino!! con tutto il rispetto per quella sgnoccolona della Jolie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatti un favore e risparmiati la bile... 'Tacci loro...

      Elimina
  10. Ecco perchè odio i sequel o i prequel...vanno sempre a rovinare qualcosa u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che brutta idea hanno avuto... :(

      Elimina
    2. Che brutta idea hanno avuto... :(

      Elimina
  11. Grandiosa da applauso Valeria mia, come si stravolgono le fiabe "nostre" per attirare più spettatori possibili!
    Ma noi non cadremo mai nella loro trappola vero?
    Bacissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai e poi mai, Nella!!!
      Un bacione!

      Elimina
  12. già ero in dubbio se vederlo...
    mi hai fugato ogni dubbio

    www.nonsidicepiacere.it

    RispondiElimina
  13. ok...mi vado a fare un aperitivo co quegli 8 euro...

    RispondiElimina